Crea sito

CENA MEDIOEVALE IN TEMPO DI QUARESIMA

CENA MEDIOEVALE

in tempo di Quaresima

Serata dedicata alla riscoperta dei sapori e delle usanze sulla tavola del Medioevo

I convitati saranno allietati durante la serata da musiche, curiosità sugli usi e costumi dei banchetti e della cucina dell’epoca e da racconti tradizionali di Quaresima

Sabato 5 marzo 2016 ore 20,00

danze11039249_10206164581863720_549773022831363964_n

 

  Menù della 

CENA MEDIOEVALE IN TEMPO DI QUARESIMA

Herbe in Quadragesima

Minestra di ceci

Rana pescatrice in agrodolce

Sarde rivoltate

Insalatuzza d’erbe

Trota in crosta

Pere pavonaze

Crestine di frutta con Ippocrasso

Acqua e vino bianco

In collaborazione col Gruppo “Musici Viae

dell’associazione culturale-sportiva Life Adventure A.D.

21194_10206164586903846_374921491340992861_n

Volete rivivere una serata all’insegna della tradizione e della storia?

Ecco per voi una cena dedicata agli antichi sapori del medioevo nel periodo di quaresima.

Storie, costumi, usanze e sopratutto un menù per riportarci indietro nel passato per gustare i sapori più caratteristici del periodo. La cena sarà contornata da intrattenimento musicale con strumenti tipici del medioevo come il liuto, la viella, il tamburo.  Un immersione completa tra storie, gusti e brani tipicamente medioevali. Prenota adesso!!!!! 

Intrattenimento e cena su prenotazione.

Euro 35 a persona.

Info e prenotazioni Anna 335.5942487

 

 

 

 

FacebookTwitterGoogle+Share

TELO BLU OCCHIELLATO 3X4

TELO BLU OCCHIELLATO 3X4

Può sembrare un oggetto banale, ma vi assicuro che il TELO BLU OCCHIELLATO 3X4 non è da sottovalutare.

Un telo impermeabile con occhielli ai suoi lati, non solo lo utilizzate per coprire il vostro scooter o altro materiale ma vi aiuta a proteggervi dal vento, pioggia e offre una base asciutta per appoggiare il vostro materiale.

PERCHE’ LA SCELTA DI UN TELO BLU OCCHIELLATO 3X4?

Siamo alle solite: un rapporto equo tra dimensioni, utilizzo e ovviamente peso.

Costruire ripari con materiale trovato in natura è un esperienza gratificante ed emozionante ma richiede tempo e molte energie. In casi di emergenza, fretta o semplicemente per comodità un telo blu occhiellato 3×4 si presta benissimo nella realizzazione di un riparo di fortuna per sostare un paio d ore o passare l’intera notte. Le misure possono variare in base alle vostre esigenze ma le dimensioni 3×4 sono un buon compromesso tra area sviluppata e peso da trasportare. Non dimentichiamoci che tutto va dentro il nostro zaino e a carico della nostra schiena!!!!

Alcuni teli hanno una trama molto più pesante e rigida, questo telo del peso di soli 100g, sarà il  nostro compagno ideale per le giornate di pioggia, freddo e vento data la sua leggerezza e buona resistenza a strappi e uso prolungato. Versatile in mille occasioni si può prestare come telo per un riparo, poncho, zaino d emergenza e altri usi che nei nostri corsi vi mostreremo. La sua doppia colorazione verde/blu da ulteriori spunti per l’uso in ambiente outdoor.

Possiamo obbiettare che il telo blu occhiellato 3×4 non è un accessorio molto naturale o che stona con il nostro equipaggiamento super tecnico, ma avere un materiale impermeabile e resistente, con possibilità di agganciarlo quasi ovunque, risulta indispensabile per qualsiasi attività outdoor, situazioni d’emergenza o per una semplice passeggiata in montagna con amici o la famiglia che ci sia la pioggia o il sole!

TORNA ALLA PAGINA GEAR-RECENSIONI

FacebookTwitterGoogle+Share

CARICA BATTERIE PATONA PER REFLEX NIKON 3200

CARICA BATTERIE PATONA PER REFLEX NIKON 3200

patona

Avere sempre con se batterie di riserva per la vostra reflex è d’obbligo.

Un matrimonio, un uscita con gli amici, un escursione sono ottimi momenti per scattare fotografie ma una sola batteria non basta.

Possiamo portarci una buona scorta di batterie ma l esigenza di scattare spesso con il flash, visualizzare le foto, attivare lo schermo a cristalli liquidi, porta il livello di carica presto verso lo zero. Oltre ad avere energia di scorta è anche bene portare con se un carica batterie.

Così mentre scattiamo abbiamo la possibilità di mettere sotto carica le altre batterie.

PERCHE’ HO SCELTO PATONA?

Primo fra tutti le batterie PATONA non sono di marca (NIKON) e questo le rende più accessibili economicamente e oltretutto risultano compatibili in termini di voltaggio e corrente.

Ma sopratutto ii carica batterie ha la possibilità di essere collegato tramite rete 220V o tramite presa micro USB 5V.

Ciò significa che possiamo allacciarci ad un pc, collegare una battery pack o utilizzare le ultime spine da 220V con uscita USB 5V.

Per finire il corredo con il carica batterie PATONA è incluso anche un adattatore per accendisigari per automobile 12V e un uscita USB 5V per mettere in cascata ulteriori dispositivi.

Utilizzo carica batterie per

Nikon EN-EL14, ENEL14 –

Compatibile con:
Nikon Coolpix P7000, P7100, P7700, P7800
Nikon D3100, D3200, D3300, D5100, D5200, D5300
Nikon Df

Messo alla prova per le mie esigenze, il CARICA BATTERIE PATONA PER REFLEX NIKON 3200 si dimostra versatile di poco ingombro. Con le sue batterie già incluse da maggior autonomia in giornate impegnative di fotografia. E sono compatibili anche con il carica batterie NIKON in dotazione alla macchina.

Il carica batterie PATONA lo porto spesso con me insieme al pannello solare GOAL ZERO NOMAD 7 e alla battery pack GOAL ZERO GUIDE 10 per avere praticamente quasi un autonomia illimitata, tempo permettendo!!!!

TORNA ALLA PAGINA GEAR-RECENSIONI

FacebookTwitterGoogle+Share

GOAL ZERO GUIDE 10 PLUS

GOAL ZERO GUIDE 10 PLUS

_DSC7511

 

Questa battery pack la potete trovare insieme al carica batterie solare GOAL ZERO NOMAD 7

L’idea è quella di avere sempre a portata di mano carica per le nostre attrezzature: cellulari, batterie per macchine fotografiche o pile frontali.

Perchè ho scelto il GUIDE 10 PLUS?

L’idea di avere una battery pack formato da ben 4 pile stilo AA mi da maggior versatilità, un paio di pile stilo le trovate ovunque nel mondo e le potete inserire in qualsiasi dispositivo lo richieda.

Quindi ho il vantaggio di

  • avere una fonte di ricarica per i miei dispositivi,
  • posso inserire direttamente le batterie,
  • le batterie stilo AA si trovano ovunque.

Il GUIDE 10 PLUS presenta anche un adattatore per le mini stilo AAA utile per ricaricare le batterie delle pile frontali, indispensabili per attività e trekking notturni.

Un uscita usb, un ingresso mini usb per la ricarica, un ingresso per il cavo di ricarica NOMAD 7,un selettore di accensione con possibilità di pila led completano le sue caratteristiche.

Caratteristiche tecniche:

Peso articolo 181 g
Dimensioni prodotto 10 x 6,4 x 1,9 cm
Pile: 4 AA pile necessarie. (incluse)
Colore Grigio
Materiale Metallo
Le dimensioni sono buone, lo potete anche mettere in tasca, ha le dimensioni di un paccheto di sigarette, presenta in un lato un asola di filo di acciaio per ancorarlo ovunque vuoi.

Il GUIDE 10 PLUS è un ottimo compagno da solo o abbinato al  GOAL ZERO NOMAD 7 per escursioni, viaggi o in qualsiasi momento non abbiamo accesso a una rete elettrica per ricaricare i nostri dispositivi.

TORNA ALLA PAGINA GEAR-RECENSIONI

FacebookTwitterGoogle+Share

Goal Zero Nomad 7 carica batterie solare

ONECOLGOAL ZERO NOMAD 7 Pannello solare.

 

Pannello solare per carica batterie, i-phone e accessori elettronici.

Per chi ama la fotografia o spesso fa trekking la necessità di batterie sempre cariche è una priorità costante.

Un trekking di una giornata o prolungato può portare velocemente scaricare le nostre batteria, che sia cellulare un cellulare, macchina fotografica o la nostra pila d emergenza.

Il carica batterie che ho scelto per tali necessità è il GOAL ZERO NOMAD 7.

E facile ritrovarsi con le batterie scariche durante le mie escursioni o corsi survival e una scorta di decine di batterie certo non agevola l escursione, ruba spazio e aggiunge peso allo zaino. La soluzione è avere un carica batterie solare con una battery pack al suo seguito.

 

Perchè questa scelta?

L oggetto in questione mi ha dato diverse soddisfazioni nei momenti di necessità. Il suo battery pack goal 10 è versatile, le pile ricaricabili e anche sostituibili con le normali stilo AA. Inoltre l adattatore per le micro stilo mi ha permesso di mettere sotto carica anche quelle per la pila frontale così da avere maggior autonomia di notte.

Il concetto è semplice con goal zero hai un pannello solare a due fogli richiudibili con celle solari in silicio monocristallino per accumulare energia.

Direttamente sul tuo dispositivo scarico o nella sua battery pack così da avere sempre una fonte di ricarica pronta per ogni evenienza.

Le dimensioni sono discrete, non è molto ingombrante e risulta compatto una volta chiuso. Mi è capitato anche di agganciarlo dietro lo zaino per avere in carica il cellulare durante dei trekking.

Tu cammini, lui appeso allo zaino ti ricarica le batterie!!!

Ovviamente per l uso che ne faccio io cerco sempre di tenerlo ben protetto da umidità e pioggia con sacchetti di plastica o altro anche se il GOAL ZERO NOMAD 7 ha rivestimento in tessuto che ne dà maggiore resistenza agli urti.

TORNA ALLA PAGINA GEAR-RECENSIONI

FacebookTwitterGoogle+Share

SEMINARIO DI ORIENTAMENTO BASE

Seminario di orientamento pratico

20-21 Febbraio

27-28 Febbraio

DSC01750

Seminario di orientamento base-pratico con e senza utilizzo di bussola e cartine topografiche. Una o due giornate immersi nell’attività di orientamento con le sue basi di cartografia, utilizzo della bussola e carta topografica, orientamento senza strumenti di navigazione.

Temi trattati:

  • Basi di cartografia

  • Utilizzo della bussola

  • Navigazione e ricerca di punti noti

  • Orientamento con e senza bussola

  • Orientamento notturno

  • Tracciamo una rotta, ritorniamo a casa!!!

IMG_7121

La giornata dedicata all’orientamento si scopriranno e si approfondiranno alcune tecniche basilari di orientamento senza l utilizzo dei moderni GPS, i quali spesso possono trarre in errore il navigatore o semplicemente risultare inutili. Istruttori qualificati CSEN SURVIVAL vi aiuteranno a capire l importanza nel saper leggere le cartine topografiche utilizzando una bussola o semplicemente facendo affidamento al territorio circostante. Sapersi orientare è un attività che avviene tuttii giorni senza che ce ne rendiamo conto. In auto, in bus, per tornare a casa ma sopratutto in territorio sconosciuto o in mancanza di guide o GPS.

Come potremmo ritrovare la via di casa senza GPS?

la natura ci può essere d aiuto?

Scoprilo con noi, contattaci per maggiori informazioni alla mostra mail!!!!

FacebookTwitterGoogle+Share